Skip to content

Il Dante del Boccaccio

Il Dante del Boccaccio

700° anniversario della morte del Sommo Poeta Dante Alighieri (1321-2021).

I pilastri della lingua italiana

Il Trecento italiano fu un secolo straordinario, di grandi produzioni artistiche e culturali. La letteratura ricevette enormi stimoli che le permisero di rivoluzionarsi e intraprendere nuove strade narrative, questo grazie anche all’uso del Volgare, celebrato come nuovo mezzo linguistico per raggiungere un più ampio pubblico e cogliere profondamente tutte le novità dell’epoca. Tra i nomi dei grandi artisti che si susseguirono sul palcoscenico culturale è dovere citare quello di Dante, definito non a caso il Padre della lingua italiana, colui che rende tutti noi orgogliosi di essere italiani, cittadini di un Paese ricco di storia e cultura.

Giovanni Boccaccio, il primo editore di Dante

Dante compone l’opera letteraria per antonomasia, la Divina Commedia che racconta il suo viaggio attraverso l’Inferno, il Purgatorio e il Paradiso. Non tutti sanno che fu Giovanni Boccaccio, scrittore e poeta italiano, ad apostrofarla Divina.

Da grande estimatore del Sommo Poeta, Boccaccio decise di copiare la Divina Commedia e di corredarla con sette disegni a penna a illustrazione di alcuni passi dell’Inferno in cui ugualmente è stata riconosciuta la sua mano.
Tenendo conto di tutte le altre occasioni in cui sembra che si sia cimentato nella decorazione, il Boccaccio dà prova di essere arguto e piacevole nell’espressione figurativa come in quella letteraria, ben in linea con quell’ambiente di artisti che era solito frequentare e che ricorda in certe sue celebri novelle.

L’opera n° 1 della tiratura speciale di 20 esemplari è stata donata al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Per onorare questi due pilastri della nostra cultura e tradizione letteraria, Patrimoni d’Arte ha avviato, con il Patrocinio della Biblioteca Riccardiana di Firenze e su Concessione del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, un progetto innovativo che possa far conoscere queste due importanti figure tramite una prospettiva diversa e inusuale. Al fine di celebrare il 700° anniversario della morte del Sommo Poeta, abbiamo realizzato una cartella dal titolo “Il Dante del Boccaccio”.

L’opera presenta al suo interno una replica dei sette disegni a piè di pagina che raccontano per immagini sette canti dell’Inferno, vergati a penna dalla mano di Giovanni Boccaccio sulla sua edizione manoscritta della Divina Commedia.

A completare la collezione una preziosa incisione calcografica a punta secca realizzata dall’artista Maurizio Carnevali che raffigura Dante e Virgilio alle porte dell’Inferno, intenti a compiere i primi passi del lungo e periglioso viaggio attraverso i tre regni ultraterreni per conquistare la Salvezza e guadagnare il perdono Divino. L’ncisione calcografica originale dell’artista Maurizio Carnevali (firmata e numerata) è il risultato di un antico sistema di stampa a incisione su una lastra di rame, risalente alla Firenze del 1450. L’artista Carnevali ha anche realizzato, in esclusiva per Patrimoni d’Arte, il disegno presente in copertina, illustrazione che ritrae Dante e Boccaccio di profilo, di fronte l’uno all’altro, come a suggellare una continuità letteraria ed artistica fra questi due grandi scrittori italiani.

Le nostre Donazioni

  • L’opera n° 1 della tiratura speciale di 20 esemplari è stata donata al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.
  • L’opera n° 2 della tiratura speciale di 20 esemplari è stata donata alla Biblioteca del Quirinale.
  • L’opera n° 3 della tiratura speciale di 20 esemplari è stata donata alla Biblioteca Riccardiana di Firenze.
  • L’opera è inoltre il secondo premio del Concorso Nazionale L’Anima del Poeta Eterno.

Un'opera Unica

Il Dante del Boccaccio

Oppure

Alcune Curiosità storiche e culturali

Edvard Munch: 80 anni dalla sua morte

Oggi, 23 gennaio 2024, ricorre l’ottantesimo anniversario della morte del pittore Edvard Munch, uno dei più importanti esponenti del Modernismo.  Per oltre sessant’anni produsse le sue opere sperimentando con pittura, arti
> Leggi l'articolo

Antonio Canova: 200 anni del genio neoclassico

Una nuova bellezza che trascende l’antico Duecento anni fa, il 13 ottobre 1822 moriva Antonio Canova, l’artefice divino. Nato a Possagno, vicino Treviso, Canova fu uno dei più grandi artisti del
> Leggi l'articolo

La Primavera di Botticelli

Un quadro immortale per celebrare la primavera della vita Il grande capolavoro di Sandro Botticelli datato, secondo gli studi più aggiornati, tra il 1482 e il 1485 e fu eseguita
> Leggi l'articolo

COMPILA IL FORM

Richiedi informazioni per Essere Contattato e ottenere subito a casa tua la preziosa Opera!