Liber Astrologicus

Il Liber Astrologicus, anche conosciuto come De Rerum Natura o Liber Rotarum, è un’opera singolare. Dedicata al pio e dotto re Sisebuto (612-620) da San Isidoro, è un trattato di scienza naturale diviso in tre parti fondamentali:

  • i primi otto capitoli si occupano della cronologia (i giorni, la settimana, i mesi, le stagioni, …);
  • i capitoli seguenti, dal IX al XXVIII, si occupano del cosmo e dei diversi astri (il mondo, il cielo, i pianeti, il sole, la luna, le stelle, …);
  • l’ultima parte la dedica allo studio dei fenomeni atmosferici e i terremoti (i tuoni, l’arcobaleno, i venti, i terremoti, …).

Prima di quest’opera non vi è nessuna traccia di un vero e proprio trattato scientifico, tuttavia non è facile concretizzare l’obiettivo specifico prefissatosi dall’autore, anche se si può intuire la volontà di offrire ai clerici e agli studiosi delle scuole monacali un trattato sulle scienze naturali facile da comprendere, partendo sempre dal principio che le scienze debbano servire come punto di partenza per redigere una buona teologia, atta alla comprensione delle Sacre Scritture.

Il libro contiene anche sette illustrazioni, quasi tutte a forma di cerchio, per chiarire alcuni aspetti dell’esposizione.

La copia originale, del XI secolo, è custodita nella Biblioteca Episcopal de Vic (Vic, Spagna).

Tiratura unica e limitata di 995 esemplari, numerati e certificati mediante atto notarile.


Caratteristiche tecniche:

  • Formato dell’opera: 335 × 270 mm.
  • 32 pagine con sei illustrazioni circolari.
  • Scrittura carolina.
  • Carta speciale in pergamena invecchiata.
  • Fogli assemblati, piegati e cuciti a mano
  • Volume di studio con incorporata la traduzione dell’opera; autori dello studio Costantino Robles e Josefina Planas.
  • Presentato in un elegante custodia
Style switcher RESET
Body styles
Color scheme
Background pattern